Quarta-Feira, 10 de Junho de 2015, 14h:56 A | A

Radici in movimento: la Festa del Consolato a Belo Horizonte


Belo Horizonte MG

Un viaggio speciale fra Italia e Brasile, questa la proposta della Console Aurora Russi per l’annuale festa, in commemorazione del 2 giugno, che, quest’anno si è svolta nel bellissimo Museo delle Miniere e Metalli MM Gerdau nella Piazza della Libertà, lo spazio più elegante e insieme culturale a Belo Horizonte.

Il ricevimento, che si è svolto nella notte del primo giugno, ha offerto agli invitati una esperienza culinaria di alto livello con una selezione di prodotti tipicamente italiani ma prodotti in Brasile. Quindi qualità italiana e produzione brasiliana, nel rispetto delle tradizioni arrivate insieme agli immigranti: “Radici in Movimento” è stato il nome dell’Evento che ha visto la collaborazione di vari produttori dalla Segafredo, alla Ferrero. alla Vilma alimentos e numerosi altri.

Un viaggio che celebrava la nostra Festa Nazionale, ma con un occhio alle tematiche dell’Expo di Milano, che ha visto la presenza di varie autorità come il Segretario della Cultura del Minas Gerais, Angelo Osvaldo e Eduardo Bernis, Segretario Municipale, oltre alla Console Russi e con il coniuge l’architetto Edoardo Fontana, ma c’erano anche Silvia Alciati, Presidente del Comites, e la presenza massiccia dell’Acibra dal Presidente Onorario dell’Acibra Mario Araldi al Presidente Raffaele Peano accompagnato da tutti gli integranti della direzione. 

L’Acibra, domenica scorsa, ha organizzato con grande successo la nona edizione della Tradizionale Festa Italiana di Belo Horizonte, che, grazie alla presenza di molte decine di migliaia di persone, si parla addirittura di 100.000, è riuscita a raccogliere 36.500 chili di alimenti da distribuire ad entità di beneficenza. 

L’esecuzione degli inni nazionali di Italia e Brasile, che ha aperto la serata, è stata affidata al coro Madrigal Liberatus della APAC (Associazione di Protezione ed Assistenza ai Condannati) di Nova Lima.

L’APAC, con la collaborazione della ONG italiana Avsi, sta conducendo una esperienza alternativa al carcere dove i detenuti vengono responsabilizzati e accompagnati in un percorso riabilitativo, e con ottimi risultati.

Postar um novo comentário

Captcha

Comentários

  • Comente esta notícia


Copyright © 2014 - SOMMO Editora Ltda - Fone/Fax (041) 3366-1469 - Caixa Postal: 4808 - CEP: 82960-981 - Curitiba/PR